Amleto Palermi - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Amleto Palermi.

Amleto Palermi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Amleto Palermi (1914 ca.)
Amleto Palermi (1914 ca.)

Amleto Palermi (Roma, 11 luglio 1889Roma, 20 aprile 1941) è stato un regista, sceneggiatore e attore italiano.

Biografia

Nato a Roma, fu condotto a Palermo ancora lattante (6 mesi) dal padre Raoul Vittorio, divenuto direttore del Giornale di Sicilia, e con la madre Emilia Scarpelli (sorella di Furio Scarpelli) e due fratelli, Manfredi e Italo. Qui iniziò a scrivere opere di prosa teatrale dialettale, per tornare nella capitale nel 1913, trovando lavoro come giornalista e successivamente come sceneggiatore per il cinema muto.

Nel 1914 lavorò al suo primo film, L'orrendo blasone, prodotto dalla Gloria Film, e da quel momento diverrà uno dei registi più richiesti, sino al trasferimento, dopo la guerra, a causa della crisi del cinema italiano, in Germania, dove avrebbe quindi diretto un discreto numero di pellicole.

Nel 1929 tornò a Roma, con l'avvento del cinema sonoro, e diresse circa 35 film sino all'inizio della seconda guerra mondiale, divenendo uno dei registi più prolifici.

Sposò Ida Molinaro e da lei ebbe tre figli: Fioretta Gioconda, Filippo (detto Mimmo) e Francesco Saverio. Filippo (1917-1925) prese parte come attore bambino a tre film diretti dal padre: Paradiso (1923), La freccia nel cuore (1924), e La via del peccato (1924), e morì prematuramente di polmonite il 18 febbraio 1925 a soli 8 anni.[1] Francesco Saverio nacque esattamente un anno dopo, il 18 febbraio 1926.

Amleto Palermi morì ancora giovane nel 1941 a Roma, di meningite.

Filmografia parziale

Regia

Soggetto

Note

Bibliografia

Altri progetti

Controllo di autoritàVIAF (EN54956094 · ISNI (EN0000 0004 4887 636X · SBN IT\ICCU\RAVV\088408 · LCCN (ENno2003015250 · GND (DE119353180 · BNF (FRcb14694099g (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2003015250
Portale Biografie Portale Cinema
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Amleto Palermi
Listen to this article