Benjamin Christensen - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Benjamin Christensen.

Benjamin Christensen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Benjamin Christensen
Benjamin Christensen

Benjamin Christensen, noto anche con il nome di Benjmain Christie o Richard Bee (Viborg, 28 settembre 1879Copenaghen, 2 aprile 1959), è stato un regista, attore e cantante danese, uno dei maggiori cineasti del suo Paese. [1]

Biografia

Figlio di un negoziante di tessuti, studiò medicina all'Università di Copenaghen, ma nel 1901 preferì dedicarsi allo studio del canto lirico. A causa di un problema di salute con la voce, decise di lavorare come attore e regista al teatro di prosa, tra il 1904 e il 1907, avvicinandosi al mondo del cinema.[1]

Il suo esordio, come attore protagonista, risalì all'anno 1912 nel film Skalbenbelltet ("La cintura del destino"), nel quale operò anche come soggettista.[1]

Dopo il film Haevnens Nat ("Notte di vendetta") del 1915, prima pellicola scritta, diretta e recitata, Christensen si trasferì, nel 1922 in Svezia per girare Häxan ("La stregoneria attraverso i secoli"), che divenne non solo il suo maggiore successo come regista, ma anche un'opera basilare nell'ambito del cinema fantastico, in grado di influenzare il cinema espressionista germanico e Carl Theodor Dreyer, soprattutto per la sua focalizzazione storica sull'occultismo dal Medioevo al Novecento.[2]

Negli anni seguenti si trasferì dapprima in Germania, per girare la pellicola Ufa del 1924 e poi in America, ad Hollywood, dove diresse il The Devil's Circus ("Il circo del diavolo") nel 1926 e una trilogia di commedie del mistero: The Haunted House ("La casa degli spettri") del 1928, The House of Horror ("La casa degli orrori") del 1929 e Seven Footprints of Satana ("Sette passi verso Satana") sempre nello stesso anno.[2]

Una volta rientrato nel suo paese, dopo una lunga attesa di dieci anni, ricominciò la sua attività cambiando però genere cinematografico.[2]

Le sue nuove pellicole infatti si inserirono nel filone psicologico-sociale; tra queste si mise in evidenza Skilsmissens born ("I figli del divorzio") del 1939.[2]

Come attore si mise in luce e raggiunse la popolarità con il suo ultimo film recitato, intitolato Desiderio del cuore del 1924, di Carl Theodor Dreyer

Filmografia

Regista

Sceneggiatore

Attore

Note

  1. ^ a b c Benjamin Christensen, in Enciclopedia del cinema, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2003-2004. URL consultato il 24 giugno 2018.
  2. ^ a b c d le muse, III, Novara, De Agostini, 1964, p. 269.

Bibliografia

  • (DA) Hollywood Skæbner, Copenhagen, Det Schønbergske Forlag, 1945.
  • (EN) Richard Baxstrom e Todd Meyers, Realizing the Witch: Science, Cinema, and the Mastery of the Invisible, Fordham University Press, 2015.
  • (ES) Carl Th. Dreyer, Reflexiones sobre mi oficio, Paidós, 1999.
  • (DA) J. Ernst, Benjamin Christensen, København, 1967.
  • (FR) M. Tessier, La sorcellerie à travers les âges, in Cinéma, 1968, p. 130.

Altri progetti

Controllo di autoritàVIAF (EN56873213 · ISNI (EN0000 0000 7141 093X · LCCN (ENno2001094119 · GND (DE132758326 · BNF (FRcb14673487x (data) · BNE (ESXX4838662 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2001094119
Portale Biografie Portale Cinema
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Benjamin Christensen
Listen to this article