Campanile rotondo - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Campanile rotondo.

Campanile rotondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Campanile rotondo
Il campanile rotondo o cilindrico
Localizzazione
Stato
 
Italia
LocalitàCittà di Castello
Coordinate43°27′23.83″N 12°14′17.92″E / 43.45662°N 12.23831°E43.45662; 12.23831Coordinate: 43°27′23.83″N 12°14′17.92″E / 43.45662°N 12.23831°E43.45662; 12.23831
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1283
Stileravennate
Usocampanile
Altezza43,50 metri
Realizzazione
ArchitettoMaginardo

Il campanile rotondo, o cilindrico, si eleva presso il duomo di Città di Castello, dedicato ai SS. Florido e Amanzio, e, unitamente alla vicina torre civica, domina il panorama tifernate.

Descrizione

Il campanile rotondo e il duomo
Il campanile rotondo e il duomo
I campanili del duomo
I campanili del duomo
Scalinata del campanile
Scalinata del campanile

La suggestiva torre campanaria richiama, seppure in tono minore, i campanili di Ravenna e di Caorle: è uno dei pochi esempi del genere presenti nel territorio e ciò che rimane del passato romanico della cattedrale di Città di Castello, rimaneggiata totalmente secondo le varie tendenze artistiche dei secoli successivi.[1]

Con un'altezza di 43,50 m. ed una circonferenza esterna di 7 m. è tra i campanili rotondi più alti d'Europa (la torre di Pisa, pure rotonda, è alta oltre 56 metri): termina con un formato conico, tipico delle architetture ravennati, nel cui spazio è posizionata la cella campanaria.[2]

I richiami dell'arte bizantino-ravennate, provenienti dalla corte imperiale di Giustiniano I e di Teodora attraverso la Basilica di Sant'Apollinare Nuovo e Sant'Apollinare in Classe, giunsero nelle non lontane province umbre, tanto che ancora oggi si nota la caratteristica forma circolare di alcuni campanili in paesi dell'Alta Valle del Tevere.[3]

Il più remoto riferimento alla torre lo fece il vescovo della città della famiglia Vitelli, Giovanni Muzi: nel 1283 il comune destinò una certa somma per contribuire alla costruzione dell'opera già in cantiere.[4]

Lo storico e critico d'arte toscano Mario Salmi (1889-1980), analizzando il metodo costruttivo, datò il campanile all'XI secolo, collocandolo nell'ambito dell'operato della scuola dell'architetto aretino Maginardo che, nel 1019, si trovava a Ravenna per studiare i monumenti bizantini.[5]

La torre, completata intorno alla metà del XIV secolo, fu realizzata nella parte bassa con blocchetti di pietra squadrata (conci), poi con pietra arenaria toscana e si ergeva isolata sul sagrato, fino a quando l'edificazione della chiesa ne nascose l'ingresso che, attualmente, è fruibile ad un livello più alto, attraverso una scaletta a chiocciola. In cima è stata sistemata una sfera laminata in oro zecchino.[6]

Ospita 3 campane di tonalità Re3, Mi3 e Sol3, inceppate a slancio.

Note

  1. ^ AA.VV, Città di Castello, p. 27
  2. ^ AA.VV, Umbria, p. 215
  3. ^ AA.VV., Città di Castello, p. 25
  4. ^ Chieli, p. 31
  5. ^ Salmi, p. 27
  6. ^ Chieli, p. 33

Bibliografia

  • AA.VV., Città di Castello, Prhomos, Città di Castello 1984.
  • AA.VV., Umbria, Touring Club Italiano 1999.
  • F. Chieli (a cura di), Città di Castello, Edimond, Città di Castello 2008.
  • M. Salmi, Lezioni di storia dell'arte medievale, Edizioni dell'Ateneo, Roma 1950.

Voci correlate

Altri progetti

Portale Architettura Portale Umbria
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Campanile rotondo
Listen to this article