Guido Zurli - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Guido Zurli.

Guido Zurli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questa voce o sezione sull'argomento registi italiani non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Puoi migliorare questa voce aggiungendo citazioni da fonti attendibili secondo le linee guida sull'uso delle fonti. Segui i suggerimenti del progetto di riferimento.

Guido Zurli, noto anche con lo pseudonimo di Albert Moore (Foiano della Chiana, 9 gennaio 1929[1]Roma, 23 ottobre 2009), è stato un regista italiano.

Biografia

Dopo alcune esperienze di aiuto regista, nel 1962 ebbe l'occasione di dirigere un film inizialmente affidato a Sergio Leone, Le verdi bandiere di Allah. In seguito, anche sotto pseudonimo (tra gli altri, Albert Moore, G.Z. Reds, Jean Loret, Frank Sanders) diresse numerosi film di genere, western, spionistici, avventurosi e horror, tutti caratterizzati da una vena di sottile umorismo.

Nel 1971 gli venne offerto di recarsi in Turchia per dirigere un film giallo; l'operazione risultò commercialmente redditizia e Zurli filmò altre opere di produzione turca.

Intanto in Italia durante la seconda metà degli anni settanta l'industria del cinema era entrata in crisi e gli vennero proposti solo film sexy o pornografici. Ritornato per un periodo in Turchia, vi girerà nel 1979 il poliziottesco Bersaglio altezza uomo.

Nel panorama cinematografico italiano apparve come sceneggiatore (con lo pseudonimo di Guider Zurlen) nel film di Raniero Di Giovanbattista Valentina, ragazza in calore, debutto hard di Moana Pozzi, ma in realtà il suo apporto alla pellicola fu minimo.

Negli anni ottanta lavorò come regista televisivo per la Rai.

Nei primi anni novanta tornò alla regia per girare film di pugilato e di Kickboxing negli Stati Uniti e in Jugoslavia.

Morì a Roma nel 2009.

Filmografia parziale

Regista

Soggetto

Sceneggiatura

Note

  1. ^ nota a "nulla osta" in archivio fondi sito, su www2.museocinema.it. URL consultato il 1º giugno 2021.
Controllo di autoritàVIAF (EN90732524 · ISNI (EN0000 0001 1774 4389 · GND (DE1061946193 · BNF (FRcb14147373f (data) · BNE (ESXX1618236 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-90732524
Portale Biografie Portale Cinema
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Guido Zurli
Listen to this article