For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Jayajirao Scindia.

Jayajirao Scindia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jayajirao Scindia
The Maharajah Scindia of Gwalior" (r.1843-1886) as seen in the Illustrated London News.gif
Jayajirao Scindia in un'incisione inglese d'epoca
Maharaja di Gwalior
In carica 18431886
Incoronazione 22 febbraio 1843
Predecessore Jankojirao II Sindhia
Successore Madho Rao Scindia
Nascita Gwalior, 19 gennaio 1835
Morte Gwalior, 20 giugno 1886
Dinastia Scindia
Padre Jankoji Rao Scindia II
Madre una sorella di Shrimant Sardar Devrao Jadhav

Jayajirao Scindia Bahadur (19 gennaio 183520 giugno 1886) fu Maharaja di Gwalior dal 1843 al 1886.

Biografia

I primi anni

Jayajirao nacque col nome di Bhagirath Shinde, figlio di Hanwant Rao, il 19 gennaio 1835. Quando il maharaja di Gwalior, Jankojirao II, morì nel 1843 senza lasciare eredi, concesse a sua moglie Tara Bai di adottare Bhagirath Rao. Bhagirath Shinde succedette al trono di Gwalior con il nome di Jayajirao Sindhia il 22 febbraio 1843. Mama Sahib, zio materno di Jankojirao II, venne scelto come suo reggente per gli anni della sua minore età.

I primi anni di regno e i controversi rapporti con gli inglesi

Dada Khasgiwale, controllore degli affari della famiglia reale, sostituì Mama Sahib nella reggenza proprio mentre il paese stava finendo sull'orlo di una guerra civile. La Compagnia Inglese delle Indie Orientali stava in quegli anni espandendo la propria influenza sugli stati indiani, andando a formare il primo nucleo del futuro impero indiano. Il colonnello Sleeman venne nominato quale residente e fu egli a chiedere la resa all'impero britannico a Dada Khasgiwale, riscontrandone l'opposizione. Le forze britanniche, comandante da Sir Hugh Gough, si mossero in direzione di Gwalior ed attraversarono il fiume Chambal nel dicembre del 1843. Il 29 dicembre successivo le simultanee battaglie di Panniar e Maharajpur sconfissero l'esercito del Gwalior e Khasgiwale venne arrestato dagli inglesi ed inviato alla prigione di Benaras dove morì nel 1845.

Venne a questo punto siglato un trattato secondo il quale lo stato di Gwalior si sottometteva agli inglesi pur conservando una propria autonomia. Per il giovane maharaja venne stabilito un consiglio di reggenza che doveva operare su consiglio del locale residente britannico.

Quando nel 1857 iniziò la ribellione degli indiani contro i coloni inglesi, Jayajirao, i cui antenati avevano combattuto contro i britannici e ne erano stati sconfitti, non era certo conosciuto come un amico della Gran Bretagna. Ad ogni modo il suo primo ministro, Dinakar Rao, assieme al maggiore Chartres Macpherson, residente inglese a Gwalior, lo convinsero inizialmente a mantenere la neutralità e poi a schierarsi con gli inglesi malgrado il parere contrario dell'esercito e del popolo.

Lavori di sviluppo

Nel 1872, Jayajirao diede ordine di iniziare la ferrovia Agra-Gwalior, porzione della Great Indian Peninsular Railway gestita dagli inglesi, per poi continuare l'anno successivo con la Indore-Neemuch.

Jivajirao costruì molte altre strutture come il Jaivilas Mahal, Kampoo Kothi, Victoriya Building, Gorkhi Dwar Gate ed il Daffrine Sarai. Egli costruì il Koteshwar Mandir e circa 69 templi dedicati a Shiva in tutto lo stato. Egli diede anche ordine di ricostruire il forte di Gwalior, che però dal 1886 passò ai britannici in cambio della città di Jhansi.

Famiglia

Jayajirao sosò Chimnabai Kadam nel 1843 e successivamente si risposò con Laxmibai Gujar nel 1852. Jayajirao sposò la sua terza moglie, Babuibai Sawant, nel 1873 e poi una quarta, Sakhyabai. Jayajirao e Sakhyabai ebbero un figlio, il quarto in tutto del Maharaja ma l'unico sopravvissutogli, Madho Rao (n. 1876) che gli succedette quando egli morì nel 1886.

Onorificenze

Onorificenze britanniche

Cavaliere di Gran Croce dell
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno (Regno Unito)
Cavaliere Gran Commendatore dell
Cavaliere Gran Commendatore dell'Ordine della Stella d'India (Regno Unito)
Compagno dell
Compagno dell'Ordine dell'Impero Indiano (Regno Unito)
Kaiser-i-Hind d
Kaiser-i-Hind d'oro (Regno Unito)

Bibliografia

  • Hunter, William Wilson, Sir, et al. (1908). Imperial Gazetteer of India, Volume 12. 1908-1931; Clarendon Press, Oxford.

Altri progetti

{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Jayajirao Scindia
Listen to this article

This browser is not supported by Wikiwand :(
Wikiwand requires a browser with modern capabilities in order to provide you with the best reading experience.
Please download and use one of the following browsers:

This article was just edited, click to reload
This article has been deleted on Wikipedia (Why?)

Back to homepage

Please click Add in the dialog above
Please click Allow in the top-left corner,
then click Install Now in the dialog
Please click Open in the download dialog,
then click Install
Please click the "Downloads" icon in the Safari toolbar, open the first download in the list,
then click Install
{{::$root.activation.text}}

Install Wikiwand

Install on Chrome Install on Firefox
Don't forget to rate us

Tell your friends about Wikiwand!

Gmail Facebook Twitter Link

Enjoying Wikiwand?

Tell your friends and spread the love:
Share on Gmail Share on Facebook Share on Twitter Share on Buffer

Our magic isn't perfect

You can help our automatic cover photo selection by reporting an unsuitable photo.

This photo is visually disturbing This photo is not a good choice

Thank you for helping!


Your input will affect cover photo selection, along with input from other users.