Julien Duvivier - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Julien Duvivier.

Julien Duvivier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questa voce sull'argomento registi francesi è solo un abbozzo. Contribuisci a migliorarla secondo le convenzioni di Wikipedia.
Julien Duvivier a destra, in compagnia di Giovannino Guareschi durante le riprese di Don Camillo
Julien Duvivier a destra, in compagnia di Giovannino Guareschi durante le riprese di Don Camillo

Julien Duvivier (Lille, 8 ottobre 1896Parigi, 30 ottobre 1967) è stato un regista francese.

Biografia

Nel 1915 incominciò la sua carriera nel muto per continuarla poi anche con l'avvento del sonoro. Si affermò presso il grande pubblico con film come David Golder (La beffa della vita, 1930) tratto dal romanzo di Irène Nemirowsky, Pel di carota (1932), riedizione del 1925, La bella brigata e Le Golem (1936), Carnet di ballo (1937), I prigionieri del sogno e Il carro fantasma (1939).

Il suo film di maggior successo fu Il bandito della Casbah (1937) in cui ebbe come interprete Jean Gabin, da lui già diretto in La bandera (1935) e La bella brigata (1936).

Nel 1938 firma un contratto con la MGM e realizza il suo primo film americano Il grande valzer, biografia del compositore viennese Johann Strauss. Torna comunque in Francia per realizzare altri film che vengono considerati minori, l'ultimo dei quali nel 1940 Untel père et fils, film di propaganda anti nazista che venne distribuito in Francia solo a guerra Finita.

Durante la guerra, come molti altri artisti europei, continutò a lavorare a Hollywood ma al suo rientro in Francia ebbe alcune difficoltà a trovare nuovi ingaggi. Ritrovò il grande successo quasi casualmente quanto nel 1952 venne chiamato in Italia a dirigere una coproduzione Don Camillo dai racconti di Giovannino Guareschi.. Il film che vede protagonisti l'italiano Gino Cervi ed il francese Fernandel ottenne un notevole successo commerciale che subito venne prodotto un seguitoIl ritorno di Don Camillo. La serie continuò poi con altri registi,

Morì nel 1967, all'età di 71 anni, a seguito di un incidente stradale occorsogli nei pressi del Bois de Boulogne[1]. Dopo i funerali, il suo corpo venne sepolto nel vecchio cimitero di Rueil-Malmaison.

Filmografia parziale

Note

Bibliografia

  • Pierre Billard, Hubert Niogret (a cura di Aldo Tassone), Julien Duvivier, France Cinema, Il Castoro editrice, Roma, 1996 (ISBN 8880330799)
  • Riccardo F. Esposito, Cinecittà sul Po e Storie dell'esilio e del ritorno, in Don Camillo e Peppone. Cronache cinematografiche dalla Bassa Padana 1951-1965, Le Mani - Microart's, Recco, 2008 (ISBN 9788880124559), pp. 17–49
  • Aldo Tassone, Duvivier, Julien. In: Enciclopedia del Cinema, Roma: Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2003

Altri progetti

Controllo di autoritàVIAF (EN12447127 · ISNI (EN0000 0001 2099 1620 · LCCN (ENno90009823 · GND (DE121587126 · BNF (FRcb13185448q (data) · BNE (ESXX1089603 (data) · NDL (ENJA00521355 · WorldCat Identities (ENlccn-no90009823
Portale Biografie Portale Cinema
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Julien Duvivier
Listen to this article