For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Maciste alla corte dello Zar.

Maciste alla corte dello Zar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Maciste alla corte dello Zar
Maciste alla corte dello zar (1964).png
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1964
Durata91 minuti
Rapporto2.35:1
Genereavventura, storico
RegiaAmerigo Anton
SoggettoMario Moroni
SceneggiaturaAlberto De Rossi, Amerigo Anton, Mario Moroni
ProduttoreLuigi Rovere
Casa di produzioneCineluxor
Distribuzione in italianoCineriz
FotografiaAldo Giordani
MontaggioTanio Boccia
MusicheCarlo Rustichelli
ScenografiaAmedeo Mellone
CostumiWalter Patriarca
TruccoDuilio Giustini
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Maciste alla corte dello Zar è un film del 1964 diretto da Tanio Boccia. È un peplum con elementi fantascientifici.[1]

Trama

Ai confini dell'Asia centrale, le terre sono sotto il dominio del potente e crudele Zar Nicola. Una spedizione scientifica scopre un sepolcro contenente un sarcofago. Aperto il sarcofago gli scienziati trovano il corpo di un uomo dotato di grande muscolatura. Esposto al sole il corpo di Maciste si rianima e dimostra agli scopritori la sua immensa forza. Lo Zar viene messo al corrente della scoperta e decide di sfruttare le capacità dell'eroe per il proprio tornaconto personale. Mentre Maciste è sotto il comando dello Zar conosce Sonia, una ragazza molto bella di cui si innamora e da cui è ricambiato; grazie a lei Maciste capisce la vera natura malvagia dello Zar, che temendo la sua ira lo fa imprigionare. Maciste riuscirà ad evadere e a sgominare le armate dello Zar, arrivando fino al sovrano per destituirlo.

Produzione

Kirk Morris, che interpreta Maciste, è il nome d'arte del veneziano Adriano Bellini.

Critica

«[...] L'ibernazione del protagonista e il conseguente suo risveglio in un'epoca per lui futura [...] [è un] espediente che, più o meno corroborato da giustificazioni pseudoscientifiche, è largamente sfruttato nel cinema del fantastico dagli anni '30 ad oggi. I nostalgici del "peplum" troveranno nel film tutte le situazioni classiche del genere [...]»

(Fantafilm[1])

Note

  1. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Maciste alla corte dello Zar, in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.

Voci correlate

{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Maciste alla corte dello Zar
Listen to this article

This browser is not supported by Wikiwand :(
Wikiwand requires a browser with modern capabilities in order to provide you with the best reading experience.
Please download and use one of the following browsers:

This article was just edited, click to reload
This article has been deleted on Wikipedia (Why?)

Back to homepage

Please click Add in the dialog above
Please click Allow in the top-left corner,
then click Install Now in the dialog
Please click Open in the download dialog,
then click Install
Please click the "Downloads" icon in the Safari toolbar, open the first download in the list,
then click Install
{{::$root.activation.text}}

Install Wikiwand

Install on Chrome Install on Firefox
Don't forget to rate us

Tell your friends about Wikiwand!

Gmail Facebook Twitter Link

Enjoying Wikiwand?

Tell your friends and spread the love:
Share on Gmail Share on Facebook Share on Twitter Share on Buffer

Our magic isn't perfect

You can help our automatic cover photo selection by reporting an unsuitable photo.

This photo is visually disturbing This photo is not a good choice

Thank you for helping!


Your input will affect cover photo selection, along with input from other users.

X

Wikiwand 2.0 is here 🎉! We've made some exciting updates - No worries, you can always revert later on