Revue archéologique - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Revue archéologique.

Revue archéologique

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Revue archéologique
Stato
 
Francia
Linguafrancese, inglese, italiana, tedesca, spagnola
Periodicitàsemestrale
Generestampa scientifica
Formatocartaceo
Fondazione1844
SedeParigi
EditorePresses universitaires de France
ISSN0035-0737 (WC · ACNP)
Sito webgallica.bnf.fr/ark:/12148/cb32846197s/date
 

La Revue archéologique è una rivista accademica francese dedicata all'archeologia.

È stata fondata nel 1844 e dal 1938 è pubblicata a Parigi da Presses universitaires de France (PUF)[1] ed resa disponibile su internet sul portale web Cairn.info[2], dove sono liberamente accessibili a tutti i testi pubblicati a cinque anni dalla pubblicazione cartacea.

È sostenuta dal Centre national de la recherche scientifique e sovvenzionata dal Centre national du livre. Gli attuali direttori sono Marie-Christine Hellmann e Pierre Gros.

Storia

La rivista fu fondata a Parigi nel 1844 con il sottotitolo completo di Recueil de documents et de mémoires relatifs à l'étude des monuments et à la philologie de l'Antiquité et du Moyen Âge. Il sottotitolo fu modificato nel 1847 per includere inoltre la numismatica (Recueil de documents et de mémoires relatifs à l'étude des monuments, à la numismatique et à la philologie de l'Antiquité et du Moyen-âge)[3].

La rivista è stata mensile nel 1844-1882, bimestrale nel 1883-1934, trimestrale nel 1934-1965, con ogni volume costituito da più fascicoli poi riuniti con unica numerazione delle pagine. Dal 1966 è semestrale e pubblicata in due volumi annuali[3].

La numerazione della rivista è suddivisa in serie[3]:

  • 1844-1860: annate 1-16, ciascuna suddivisa in prima e seconda parte
  • 1860-1882: nuova serie, annate 1-23, in 44 volumi
  • 1883-1902: terza serie: tomi I-XLI
  • 1903-1914: quarta serie: tomi I-XXIV
  • 1915-1932: quinta serie: tomi I-XXXVI
  • 1933-1957: sesta serie: tomi I-L
  • 1958-1965: tomi I e II di ciascuna annata
  • dal 1966: nuova serie

Tra il 1888 e il 1961 comprendeva una parte relativa all'epigrafia, la Revue des publications épigraphiques relatives à l'antiquité romaine, apparsa anche separatamente e riportata anche nella rivista L'Année épigraphique. Dal 1967 comprende il Bulletin de la Société française d'archéologie classique[3].

Caratteristiche

La rivista si occupa prevalentemente di archeologia classica e inizialmente era concentrata in particolare sulle ricerche in territorio francese, ma si è in seguito allargata anche ad altri periodi e regioni del mondo antico. Tratta la ricerca archeologica sotto tutti i suoi aspetti.[2][1]

La redazione è costituita da un comitato scientifico internazionale di dodici specialisti di diversa provenienza (Gran Bretagna, Germania, Spagna, Grecia, Italia e Russia) e da un comitato di lettura permanente, che si riunisce due volte l'anno[1]. La rivista non rappresenta alcuna scuola o istituzione o associazione ed è totalmente indipendente[1].

Ospita articoli scientifici, soprattutto in francese, ma anche in inglese, in tedesco, in spagnolo e in italiano da studiosi di diversa provenienza. Comprende illustrazioni a colori ed ospita resoconti bibliografici (comptes rendus bibliographiques e chroniques bibliographiques, tra cui quelle sui vetri greci e romani e sull'architettura del mondo greco[2].

Note

  1. ^ a b c d Presentazione della Revue archéologique Archiviato il 16 novembre 2014 in Internet Archive. sul sito della casa editrice PUF (Presse universitaires de France).
  2. ^ a b c Presentazione della Revue archéologique sul sito Cairn.info, di quattro case editrici di riviste di scienze umane e sociali e della Bibliothèque nationale de France.
  3. ^ a b c d Notizia bibliografica sulla Revue archéologique sul sito del catalogo generale della Bibliothèque nationale de France.

Altri progetti

Portale Archeologia Portale Editoria
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Revue archéologique
Listen to this article