Sinestesia (figura retorica) - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Sinestesia (figura retorica).

Sinestesia (figura retorica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questa voce sull'argomento retorica è solo un abbozzo. Contribuisci a migliorarla secondo le convenzioni di Wikipedia.

La sinestesia (dal greco syn, 'insieme', e aisthánomai, 'percepisco') è una figura retorica, in particolare un tipo di metafora ("metafora sinestetica"), che prevede l'accostamento di 2 parole appartenenti a due sfere sensoriali diverse.[1]

Ha largo uso in poesia ed in genere nella versificazione:

«L'odorino amaro»

(Giovanni Pascoli, Novembre.)

«Voci di tenebra azzurra.»

(Giovanni Pascoli, La mia sera.)

«Venivano soffi di lampi.»

(Pascoli, L'assiuolo.)

«Urlo nero»

(Salvatore Quasimodo, Alle fronde dei salici.)

Tra le canzoni, si può citare Il sogno di Maria di Fabrizio De André:

«Quando mi chiese: "Conosci l'estate?"
io per un giorno per un momento,
corsi a vedere il colore del vento.»

È usata anche nella lingua di tutti i giorni ("colori caldi", "giallo squillante" ecc.) e quindi anche in prosa.

Note

  1. ^ Angelo Marchese, Dizionario di retorica e di stilistica, 4ª ed., Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1984 [1978], p. 299, ISBN 88-04-14664-8.

Altri progetti

Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Linguistica
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Sinestesia (figura retorica)
Listen to this article