Slym papà - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Slym papà.

Slym papà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Slym papà
Titolo originaleBaby Mine
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1928
Durata60 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,37:1
film muto
Generecommedia
RegiaRobert Z. Leonard
Soggettodal lavoro teatrale di Margaret Mayo
SceneggiaturaF. Hugh Herbert, Lew Lipton

Sylvia Thalberg (adattamento)
Ralph Spence (didascalie)

ProduttoreRobert Z. Leonard
Casa di produzioneMetro-Goldwyn-Mayer
Distribuzione in italianoMetro Goldwyn
FotografiaFaxon M. Dean
MontaggioSam Zimbalist
ScenografiaCedric Gibbons
CostumiGilbert Clark
Interpreti e personaggi

Slym papà (Baby Mine) è un film muto del 1928 diretto da Robert Z. Leonard tratto da Baby Mine. Domestic Farce in Three Acts lavoro teatrale di Margaret Mayo presentato a Broadway il 23 agosto 1910[1]. Il film, interpretato da Karl Dane e Charlotte Greenwood, fu prodotto dalla MGM che lo distribuì nelle sale l'8 gennaio 1928.

Si tratta del rifacimento di Baby Mine del 1917 diretto da Hugo Ballin e John S. Robertson.

Trama

Emma, per riconquistare il marito Slym, decide di procurarsi un figlio adottivo senza far partecipe il marito dell'idea, ma dicendogli semplicemente che sta per diventare padre. Aiutata dall'amica Helen e da suo marito Jimmy, Emma trova una madre pronta a cederle il neonato, per poi pentirsi subito dopo. Jimmy si mette a cercare un sostituto e ne trova fin troppi. Così Slym si trova la casa invasa di neonati.

Produzione

Il film fu prodotto dalla MGM.

Distribuzione

Il copyright del film, richiesto dalla Metro-Goldwyn-Mayer Distributing Corp., fu registrato il 21 gennaio 1928 con il numero LP25249[1][2]. Il film, distribuito dalla MGM, uscì nelle sale statunitensi l'8 gennaio 1928. In Finlandia, fu distribuito pochi giorni dopo, il 14 gennaio 1928. In Spagna, il film prese il titolo A quien dios no le da hijos. In Italia, distribuito nel 1928 dalla Metro Goldwyn, ottenne il visto di censura numero 24522[3].

Non si conoscono copie ancora esistenti della pellicola che viene considerata presumibilmente perduta[2].

Note

Bibliografia

  • (EN) John Douglas Eames, The MGM Story Octopus Book Limited, Londra 1975 ISBN 0-904230-14-7
Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Slym papà
Listen to this article