Socialismo arabo - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Socialismo arabo.

Socialismo arabo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questa voce sull'argomento politica è solo un abbozzo. Contribuisci a migliorarla secondo le convenzioni di Wikipedia. Segui i suggerimenti del progetto di riferimento.

Il socialismo arabo (in arabo: الاشتراكية العربية‎, al-ishtirākiyya al-ʿarabiyya) fu l'ideologia politica alla base di diversi regimi che si costituirono nel corso del secondo Novecento, inizialmente formulata dal filosofo Michel 'Aflaq e da Salah al-Din al-Bitar, fondatori del Partito Ba'th assieme ad Akram al-Hawrani, e sviluppatasi poi negli anni successivi tramite figure come Gamal Abdel Nasser, presidente dell'Egitto e primo ad essere stato a capo di un governo di stampo islamo-socialista.

Fondamentale per il socialismo arabo fu l'idea di panarabismo: secondo tale dottrina, gli arabi avrebbero dovuto unirsi a livello politico tramite uno Stato unitario di tipo federale. Inizialmente, la collaborazione di tutti gli arabi avrebbe favorito l'indipendenza da ogni tipo di dominio coloniale - principalmente britannico e francese, per poi unirsi politicamente. Questa idea, tuttavia, non risentì di formulazioni specifiche e nonostante la presenza di numerosi regimi fondati sul socialismo arabo, solamente in pochi casi si riuscì a dar vita a governi federali (Repubblica Araba Unita), tutti discioltisi nel giro di pochi anni.

Lista di socialisti

Ba'thisti (Partito Ba'th irakeno), (Partito Ba'th siriano)

Nasseriani:

Socialisti algerini:

Socialisti marocchini:

Socialisti palestinesi:

Socialisti libanesi:

Socialisti siriani (Partito Ba'th siriano):

  • Akram al-Hawrani

Bibliografia

  • Maxime Rodinson, Marxism and the Muslim world, Zed Press, 1979, 229 pagine, ISBN 9780905762210 (trad. dell'originale Marxisme et monde musulman, Paris, Éditions du Seuil, 1972, 698 pagine)

Voci correlate

Portale Islam Portale Socialismo
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Socialismo arabo
Listen to this article