For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Stanguellini Junior.

Stanguellini Junior

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Stanguellini Junior
Stanguellini Junior Fr.jpg
Descrizione generale
Costruttore
bandiera
 Stanguellini
Categoria Formula Junior
Produzione Dal 1958 al 1960
Sostituita da Stanguellini Monoposto Delfino Junior
Descrizione tecnica
Meccanica
Motore derivazione Fiat 1100
Dimensioni e pesi
Passo 2260 mm
Peso 400 kg
Altro
Avversarie Bandini formula junior
Formula Junior derivate da Lancia Appia
Risultati sportivi
Piloti Harry Carter, Jo Siffert, Lorenzo Bandini, Michael May, Wolfgang von Trips

La Stanguellini Junior è un'automobile monoposto sportiva di Formula Junior, costruita da Stanguellini, anche grazie alla collaborazione con Juan Manuel Fangio, dal 1958 al 1960 in più di un centinaio di esemplari.[1]

Il contesto

La vettura, dotata di motore anteriore e trazione posteriore, come da regolamento di quel tipo di competizioni, aveva buona parte dei componenti strettamente derivati da autovetture di serie; nel caso specifico dalle Fiat 1100 e 1200.

Già nel primo anno di gare riuscì a conquistare vari successi in campo continentale e tra i suoi piloti si annoverano tra gli altri Lorenzo Bandini e Jo Siffert, praticamente ai loro esordi nell'automobilismo, nonché Wolfgang von Trips, altro pilota con una buona carriera in Formula 1.

Oltre che nelle competizioni europee venne utilizzata anche negli Stati Uniti d'America dove colse anche una vittoria nella Coppa Vanderbilt del 1960.

Principali vittorie

Corse di auto storiche

Questa vettura è stata pilotata con successo da Simone Stanguellini, nipote del costruttore, nel Grand Prix Historique de Monaco degli anni 2004 e 2008 dove ha conquistato due terzi posti.[2]

Un'altra vettura guidata dal pilota statunitense Jason Wright, ha conquistato il Campionato Europeo Auto Storiche 2009.[3]

Scheda tecnica

Caratteristiche tecniche - Stanguellini Junior
Stanguellini Junior Interno.jpg
Configurazione
Carrozzeria: monoposto in alluminio Posizione motore: anteriore Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Interasse: 2000 mm Carreggiate: anteriore 1220 - posteriore 1230 mm Altezza minima da terra:
Masse a vuoto: 400 kg
Meccanica
Tipo motore: 4 cilindri in linea di derivazione FIAT, monoblocco in ghisa, testa in lega leggera; oppure Mini 1.000 cc; oppure DKW e SAAB 3 cilindri 2 tempi

Raffreddamento: ad acqua a circolazione forzata||width=50% colspan="3" |Cilindrata: (Alesaggio x corsa: 68,0 x 75,0 mm), 1098 cm³

Distribuzione: ad aste e bilancieri con albero a camme laterale nel basamento Alimentazione: 1958: 2 carburatori dell'Orto SS I25B

1959/62: 2 carburatori Weber 38 DC OE a doppio corpo; oppure 2 carburatori Weber 40 DC OE a doppio corpo

Prestazioni motore Potenza: 1958: 70cv a 6200 giri/minuto

1959: 78cv a 6500 giri/minuto

1961: 95cv

1962: 99cv

Accensione: singola con batteria e spinterogeno Impianto elettrico:
Frizione: monodisco a secco Cambio: 1958/59: 4 rapporti + retromarcia

1960/62: 5 rapporti + retromarcia

Telaio
Corpo vettura tubolare con longheroni di irrigidimento
Sospensioni anteriori: 1958: a ruote indipendenti con triangoli trasversali inferiori e balestra trasversale superiore, ammortizzatori telescopici idraulici.

1959/62: a ruote indipendenti con bracci triangolari trasversali, molle elicoidali e ammortizzatori telescopici idraulici coassiali, barra trasversale stabilizzatrice / posteriori: 1958/59: a ponte rigido con bracci longitudinali di spinta e reazione, molle elicoidali, ammortizzatori telescopici idraulici, ancoraggio trasversale con cavi metallici.

1960: a ponte rigido con bracci longitudinali di spinta e reazione, molle elicoidali, ammortizzatori telescopici idraulici coassiali, ancoraggio trasversale con cavi metallici.

1961/62: a ruote indipendenti con parallelogrammi deformabili, semiassi oscillanti, molle elicoidali e ammortizzatori telescopici idraulici coassiali.

Freni anteriori: 1958/1960: a tamburo sulle ruote.

1961/62: freni a disco. / posteriori: 1958/1960: a tamburo sulle ruote.

1961/62: freni a disco.

Prestazioni dichiarate
Velocità: 220 km/h Accelerazione:
Altro
Lubrificazione forzata a carter umido con pompa di mandata
Fonte dei dati: [4]

Note

  1. ^ (EN) Storia della Junior su qv500.com Archiviato il 30 gennaio 2010 in Internet Archive.
  2. ^ Il Gran Premio storico di Monaco su aisa.it[collegamento interrotto]
  3. ^ La Stanguellini Junior su Omniauto.it
  4. ^ stanguellini.it Archiviato il 9 febbraio 2010 in Internet Archive.

Altri progetti

Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Stanguellini Junior
Listen to this article

This browser is not supported by Wikiwand :(
Wikiwand requires a browser with modern capabilities in order to provide you with the best reading experience.
Please download and use one of the following browsers:

This article was just edited, click to reload
This article has been deleted on Wikipedia (Why?)

Back to homepage

Please click Add in the dialog above
Please click Allow in the top-left corner,
then click Install Now in the dialog
Please click Open in the download dialog,
then click Install
Please click the "Downloads" icon in the Safari toolbar, open the first download in the list,
then click Install
{{::$root.activation.text}}

Install Wikiwand

Install on Chrome Install on Firefox
Don't forget to rate us

Tell your friends about Wikiwand!

Gmail Facebook Twitter Link

Enjoying Wikiwand?

Tell your friends and spread the love:
Share on Gmail Share on Facebook Share on Twitter Share on Buffer

Our magic isn't perfect

You can help our automatic cover photo selection by reporting an unsuitable photo.

This photo is visually disturbing This photo is not a good choice

Thank you for helping!


Your input will affect cover photo selection, along with input from other users.