For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Supercoppa italiana (pallacanestro femminile).

Supercoppa italiana (pallacanestro femminile)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Supercoppa italiana
Sport
Basketball pictogram.svg
Pallacanestro
CategoriaClub
FederazioneFIP
Paese
Italia
 
Italia
OrganizzatoreLega Basket Femminile
TitoloVincitore della Supercoppa Italiana
CadenzaAnnuale
Aperturasettembre
Partecipanti4
Formulasemifinali e finale
Storia
Fondazione1996
Numero edizioni26
DetentoreFamila Schio
Record vittorieFamila Schio (12)

La Supercoppa italiana di pallacanestro femminile è un trofeo istituito nel 1996 dalla Lega Basket Femminile che mette annualmente di fronte la squadra vincitrice del campionato contro la detentrice della Coppa Italia.

Storia e formula

La prima edizione si disputò nel 1996, un anno dopo la omologa maschile. Da allora la competizione si svolge ogni anno, solitamente prima dell'inizio del campionato di Serie A1. Generalmente si gioca in casa della squadra campione d'Italia, con l'eccezione di sei edizioni (dal 1996 al 1999 e nel 2002), in cui la finale si è disputata in una sede designata dalla Lega Basket Femminile. Nel 2019 e nel 2021 la formula adottata è stata quella della Final Four, oltre alle vincitrici di campionato e coppa si sono aggiunte le finaliste delle due competizioni. L'edizione del 2020 ha visto la partecipazione delle prime otto squadre classificatesi nel precedente campionato, interrotto per pandemia.

Nell'eventualità che nella precedente stagione sportiva la stessa squadra avesse vinto entrambi i titoli nazionali, scudetto e Coppa Italia, il regolamento prevede che a contendersi il trofeo siano la vincitrice dello scudetto e la finalista perdente della Coppa Italia. Dalla fondazione della Supercoppa ad oggi, ciò è accaduto in dieci edizioni: nel 1997 (Cariparma Parma), nel 2001 e 2003 (Pool Comense), nel 2005 (Penta Faenza, finalista di campionato in sostituzione di Napoli), nel 2011 (Umbertide), nel 2012 (Famila Schio), nel 2013 e 2014 (Gesam Gas Lucca), nel 2015 (Passalacqua Ragusa), nel 2018 (Gesam Gas Lucca).

In diciassette casi si è imposta la vincitrice dello scudetto, in cinque quella della Coppa. Taranto e Schio sono le uniche squadre ad aver vinto campionato, Coppa e Supercoppa. Parma, Como e Schio invece, hanno vinto la Supercoppa senza aver conquistato campionato o Coppa (sono state ammesse come finaliste di Coppa).

Albo d'oro

Edizione Sede[1] Vincitrice Finalista Risultato[1] MVP[2] Note
1996 Roma
Scudetto.svg
Pool Comense
Coccarda Italia.svg
Famila Schio
50 - 44 -
1997 Milano Cariparma Parma
Scudetto.svg
Coccarda Italia.svg
Pool Comense
69 - 58
Jugoslavia
Anđelija Arbutina
Parma finalista di Coppa Italia
1998 Montecatini Terme
Scudetto.svg
Pool Comense
Coccarda Italia.svg
Cariparma Parma
56 - 54
Lituania
Jurgita Štreimikytė
1999 Alessandria
Scudetto.svg
Pool Comense
Coccarda Italia.svg
Famila Schio
81 - 74 (d1ts) -
2000 Catania
Coccarda Italia.svg
Pool Comense
Scudetto.svg
Isab Priolo
87 - 67
Italia
Raffaella Masciadri
2001 Casnate Pool Comense
Scudetto.svg
Coccarda Italia.svg
Cerve Parma
84 - 57
Italia
Francesca Zara
Comense finalista di Coppa Italia
2002 Parma
Coccarda Italia.svg
Meverin Parma
Scudetto.svg
Pool Comense
91 - 66
Italia
Anna Costalunga
2003 Taranto
Scudetto.svg
Coccarda Italia.svg
Levoni Taranto
Pool Comense 69 - 68
Stati Uniti
Tangela Smith
Comense finalista di Coppa Italia
2004 Casnate
Scudetto.svg
Pool Comense
Coccarda Italia.svg
Famila Schio
62 - 58
Italia
Laura Macchi
2005 Schio
Scudetto.svg
Coccarda Italia.svg
Famila Schio
Penta Faenza 72 - 68
Italia
Raffaella Masciadri
Faenza finalista del Campionato
2006 Schio
Scudetto.svg
Famila Schio
Coccarda Italia.svg
Banco di Sicilia Ribera
95 - 78 -
2007 Napoli
Scudetto.svg
Phard Napoli
Coccarda Italia.svg
Germano Zama Faenza
59 - 58
Stati Uniti
Kedra Holland-Corn
2008 Schio
Coccarda Italia.svg
Umana Venezia
Scudetto.svg
Famila Schio
64 - 52
Montenegro
Aleksandra Vujović
2009 Taranto
Scudetto.svg
Taranto Cras Basket
Coccarda Italia.svg
Atletico Faenza
65 - 62
Italia
Michelle Greco
2010 Taranto
Scudetto.svg
Taranto Cras Basket
Coccarda Italia.svg
Famila Schio
75 - 72
Stati Uniti
Megan Mahoney
2011 Schio
Scudetto.svg
Coccarda Italia.svg
Famila Schio
Liomatic Umbertide 67 - 49
Israele
Liron Cohen
Umbertide finalista di Coppa Italia
2012 Taranto Famila Schio
Scudetto.svg
Coccarda Italia.svg
Taranto Cras Basket
72 - 51
Italia
Giorgia Sottana
Schio finalista di Coppa Italia
2013 Schio
Scudetto.svg
Coccarda Italia.svg
Famila Schio
Gesam Gas Lucca 62 - 53
Italia
Giorgia Sottana
Lucca finalista di Coppa Italia
2014 Schio
Scudetto.svg
Coccarda Italia.svg
Famila Schio
Gesam Gas Lucca 66 - 58
Croazia
Iva Slišković
Lucca finalista di Coppa Italia
2015 Schio
Scudetto.svg
Coccarda Italia.svg
Famila Wuber Schio
Passalacqua Ragusa 83 - 54
Stati Uniti
Ashley Walker
Ragusa finalista di Coppa Italia
2016 Schio
Scudetto.svg
Famila Wuber Schio
Coccarda Italia.svg
Passalacqua Ragusa
67 - 66
Stati Uniti
Jolene Anderson
2017 Lucca
Coccarda Italia.svg
Famila Wuber Schio
Scudetto.svg
Gesam Gas Lucca
70 - 54
Italia
Francesca Dotto
2018 Schio
Scudetto.svg
Coccarda Italia.svg
Famila Wuber Schio
Gesam Gas Lucca 75 - 48
Stati Uniti
Jacki Gemelos
Lucca finalista di Coppa Italia
2019 Schio
Scudetto.svg
Famila Wuber Schio
Coccarda Italia.svg
Passalacqua Ragusa
61 - 54
Nuova Zelanda
Jillian Harmon
2020 Schio Umana Venezia Famila Wuber Schio 73 - 64
Italia
Francesca Pan
2021 Schio
Coccarda Italia.svg
Famila Wuber Schio
Scudetto.svg
Umana Venezia
67 - 64
Lettonia
Kitija Laksa

Titoli vinti per squadra

Squadra Vittorie
Famila Schio 12
Pool Comense 6
Taranto Cras 3
Basket Parma 2
Reyer Venezia 2
Napoli Vomero 1


Note

  1. ^ a b Mascolo, pp. 303-304.
  2. ^ della squadra vincitrice, se non diversamente indicato

Bibliografia

  • Massimiliano Mascolo, Almanacco del basket al femminile, seconda edizione, J and J, 2016.

Voci correlate

Portale Pallacanestro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pallacanestro
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Supercoppa italiana (pallacanestro femminile)
Listen to this article

This browser is not supported by Wikiwand :(
Wikiwand requires a browser with modern capabilities in order to provide you with the best reading experience.
Please download and use one of the following browsers:

This article was just edited, click to reload
This article has been deleted on Wikipedia (Why?)

Back to homepage

Please click Add in the dialog above
Please click Allow in the top-left corner,
then click Install Now in the dialog
Please click Open in the download dialog,
then click Install
Please click the "Downloads" icon in the Safari toolbar, open the first download in the list,
then click Install
{{::$root.activation.text}}

Install Wikiwand

Install on Chrome Install on Firefox
Don't forget to rate us

Tell your friends about Wikiwand!

Gmail Facebook Twitter Link

Enjoying Wikiwand?

Tell your friends and spread the love:
Share on Gmail Share on Facebook Share on Twitter Share on Buffer

Our magic isn't perfect

You can help our automatic cover photo selection by reporting an unsuitable photo.

This photo is visually disturbing This photo is not a good choice

Thank you for helping!


Your input will affect cover photo selection, along with input from other users.