Twentieth Century Pictures - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Twentieth Century Pictures.

Twentieth Century Pictures

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Twentieth Century Pictures
Stato
 
Stati Uniti
Fondazione26 giugno 1933
Fondata da
Chiusura29 maggio 1935 (fusione con Fox Film Corporation)
Sede principaleCalifornia
SettoreIntrattenimento
ProdottiFilm
Notesostituita dalla 20th Century Fox (dal 2020 20th Century Studios)[1]

La Twentieth Century Pictures, Inc. (conosciuta anche come 20th Century Pictures) era una società indipendente di produzione cinematografica creata il 26 giugno 1933 da Joseph Schenck e Darryl F. Zanuck (che dal 1928 lavorava alla Warner Bros.). Il 29 maggio 1935 la compagnia si fuse con la Fox Film Corporation, fondata da William Fox nel 1915, diventando così la Twentieth Century-Fox Film Corporation, ovvero la 20th Century Fox (dal 2020 20th Century Studios).

I primi anni

The Bowery 1933
The Bowery 1933

Tre giorni dopo aver lasciato la Warner Bros., il produttore Darryl F. Zanuck propose a Joseph Schenck di creare una nuova società. Schenck riuscì a raccogliere 1,2 milioni di dollari grazie all'aiuto del produttore cinematografico William B. Goetz, 750.000 $ dalla Consolidated Film Industries, un laboratorio di elaborazione, e infine un prestito di 3 milioni di dollari, che rappresentò la somma maggiore, concesso dalla Bank of America. Schenck e Zanuck riuscirono in questo modo a dar vita alla loro attività produttiva. Samuel G. Engel, all’epoca assistente di Zanuck, ricordava:

(EN)

«And so, it was that week, I believe, when we had just gotten going over at the Goldwyn lot, and he said he wanted a name for the company. I said, "I'll give you a name that's good for 67 years." He said, "What is it?" I said, "Twentieth Century Pictures." And that's how the name came about.»

(IT)

«E così, fu quella settimana, credo, quando avevamo appena superato lo studio di Samuel Goldwyn, Zanuck mi disse che voleva un nome per la compagnia. Io dissi "Ti darò un nome che va bene per 67 anni." Lui mi chiese "E quale sarebbe?". E io risposi "Twentieth Century Pictures”. Ed è così che è nato il nome.»

(Samuel G.Engel)

[2]

Nei primi tempi la Twentieth Century Pictures non solo aveva pochi dipendenti, dato il numero limitato di film realizzati, ma non possedeva neppure un vero e proprio studio; inizialmente affittò quindi uno spazio nel Samuel Goldwyn Studio. Zanuck accettò di girare dodici film all'anno, iniziando con The Bowery e continuando con la produzione di una serie di film melodrammatici. Si impegnò in modo particolare in una produzione ambiziosa per George Arliss, attore di rilievo in quel periodo: il film, intitolato The House of Rothschild, ottenne un grande successo. Al termine delle realizzazioni del primo anno di attività, nel settembre 1934, lo studio cinematografico aveva speso 4,5 milioni di dollari nelle sue dodici produzioni. Le prime quattro, costate 1,5 milioni di dollari, avevano già recuperato i costi; erano inoltre arrivati incassi per altri 1,5 milioni di dollari, sufficienti a permettere la prosecuzione delle attività.[3]

Nei mesi successivi le produzioni di Zanuck ottennero un grande successo. L'unico insuccesso fu quello di Born to Be Bad, nonostante al suo interno recitassero i già famosi Loretta Young e Cary Grant: il film era costato 250.000 $ e portò a una perdita di 50.000 $. Il motivo dell'insuccesso furono i tagli eseguiti a numerose scene del film in base al Codice Hays, una serie di linee guida morali appena entrate in vigore per il cinema americano.[4]

Successo

La società pubblicò il suo materiale attraverso la United Artists, di cui Joseph Schenck era l’ex presidente. Nel breve periodo in cui fu attiva (1933-1935) divenne lo studio cinematografico di maggior successo del suo tempo, battendo numerosi record di incassi con 18 dei suoi 19 film. I film della Twentieth Century Pictures si distinguevano soprattutto per la loro capacità di offrire al pubblico movimento e intrattenimento. Inoltre, il progetto era partito in un momento positivo: nel 1935 il giro d'affari dell'industria cinematografica crebbe del 12% rispetto all'anno precedente.[4]

Il successo dell’azienda contribuì in modo importante ai profitti della UA in quanto quasi metà dei film della stessa erano rappresentati dalla Twentieth Century Pictures.[5]

La fusione con la Fox

Durante il periodo di crescita della Twentieth Century Pictures alla Fox Film Corporation la situazione era ancora al limite della catastrofe[6], in quanto, nonostante ingenti risorse, nel 1935 poteva incassare solo 1,8 milioni di dollari. La compagnia di Zanuck, invece, non aveva né studio né struttura di distribuzione ma, con un valore di soli 4 milioni di dollari, poteva generare un guadagno di 1,7 milioni di dollari all'anno. Sidney Kent, presidente della Fox Film Corporation, pensò quindi di acquistare la Twentieth Century per fornire ai suoi cinema film migliori, ma Zanuck e Schenck rifiutarono.[7]

Il progetto di acquisto fu quindi trasformato in una fusione, che avvenne il 29 maggio del 1935. Joseph Schenck divenne presidente del consiglio di amministrazione della nuova compagnia con una paga annua di 130.000 $ e si dimise dalla presidenza della United Artists, rimanendo però nel loro circuito di cinema. Sidney Kent rimase presidente con una paga annua di 180.000 $ e altri 25.000 $ come presidente della National Theaters Corporation, filiale della Fox. Darryl Zanuck ricoprì invece il ruolo di vicepresidente a 260.000 $ l'anno, lo stesso stipendio che aveva alla Warner Bros., a cui venne però aggiunto il 10% dell'incasso lordo dei suoi film.[8]

L'unione tra le due società ebbe un notevole successo: i film venivano prodotti secondo un programma specifico anche se dall'esterno sembrava che la distribuzione continuasse come se non ci fosse mai stata una vera e propria fusione. In un primo momento fu annunciato che i film della Twentieth Century sarebbero stati distribuiti dalla Fox Films. Successivamente il nome della compagnia iniziò a variare tra Fox-20th e 20th-Fox, fin quando, su una pagina del Variety Magazine, il 18 settembre 1935 comparve il nuovo marchio:

New As A Trademark
New As A Standard
of
Strength * Quality * Leadership

Filmografia

Blood Money FilmPoster
Blood Money FilmPoster
Moulin Rouge poster 1934
Moulin Rouge poster 1934

1933

  • The Bowery, diretto da Raoul Walsh
  • Broadway Thru A Keyhole, diretto da Lowell Sherman [9]
  • Blood Money, diretto da Rowland Brown[10]
  • Advice to the Lovelorn, diretto da Alfred Werker

1934

1935

Note

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Twentieth Century Pictures
Listen to this article