For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for U.C.C..

U.C.C.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

U.C.C. S.S.D.
Pallacanestro
Basketball pictogram.svg
Logo UCC Assigeco Piacenza 2016.png
Segni distintivi
Uniformi di gara
Kit body thinsidesonwhite.png
Kit body basketball.png
Kit shorts.png
Kit shorts.svg
Casa
Kit body whitesides.png
Kit body basketball.png
Kit shorts.png
Kit shorts.svg
Trasferta
Colori sociali
600px White HEX-F6002F HEX-0434B1.svg
Bianco, rosso e blu
Dati societari
Città Codogno (sede operativa)
Casalpusterlengo (sede legale)
Piacenza (campo di gioco)
Nazione
Italia
 
Italia
Confederazione FIBA Europe
Federazione FIP
Campionato Serie A2
Fondazione 1977
Denominazione Unione Cestistica Casalpusterlengo
(1977-2016)
U.C.C. (2016-oggi)
Presidente
Italia
Franco Curioni
Allenatore Stefano Salieri
Impianto PalaBanca
(3 700 posti)
Sito web uccassigecopiacenza.it
Palmarès
Coppe nazionali 2 Coppa Italia LNP
1 Coppa Italia LNP di Serie B2
Basketball current event.svg
Stagione in corso

L'U.C.C. s.r.l. Società Sportiva Dilettantistica è una squadra di pallacanestro italiana, con sede operativa a Codogno e sede legale a Casalpusterlengo, che dal 2016 gioca le sue partite a Piacenza ed è per questo nota anche come U.C.C. Piacenza. La società è il risultato di una partnership sportiva tra l'Unione Cestistica Casalpusterlengo, da cui deriva la sigla, e il Piacenza Basket Club[1].

Per motivi di sponsorizzazione, è stata nota prima come Assigeco Casalpusterlengo e dal 2016 come Assigeco U.C.C. Piacenza.

Storia

L'Unione Cestistica Casalpusterlengo nasce nel 1977 a Casalpusterlengo, per volontà di Franco Curioni, Giuseppe Grecchi, Gigia Baragetti, Angelo Vaghetti e Leo Bottari: i colori sociali sono il verde e l'arancio, mentre il primo sponsor è il marchio Johns Manville[2]. Inizialmente la presidenza è assunta dal signor Nicolosi, poi sostituito dallo sponsor, ingegner Autelli e, infine, da Franco Curioni, che in questo periodo alterna il ruolo dirigenziale con quello di giocatore[2].

Nei primi anni la squadra disputa i campionati provinciali del CSI e, poi, di Promozione. Dopo aver terminato all'ultimo posto il campionato di Promozione nel 1993-1994, nell'anno successivo la squadra avvia una collaborazione con la Fulgor Codogno, che l'anno prima aveva disputato anch'essa il torneo di Promozione, ottenendo l'ammissione al campionato di Serie D e spostando la sua sede di gioco a Codogno, presso il palasport situato in viale della Resistenza. In quell'anno la società, sotto la guida di Maurizio Fiorani, vince il campionato ottenendo la promozione in Serie C2[2]. Nella prima stagione in C2 milita nella squadra Vittorio Gallinari[2]. Nella stagione 1997-1998, la squadra milita in Serie C1 dopo l'acquisizione dei diritti sportivi da Pisogne. Nella prima stagione in Serie C1 la squadra raggiunge la semifinale play-off, mentre l'annata successiva perde la finale promozione[2].

A partire dal 1999-2000 la squadra è guidata dall'allenatore Fabio Corbani, approdato alla panchina dopo una fortunata esperienza con le giovanili dell'Olimpia Milano, con cui al termine del campionato 2001-202 ottiene la promozione in Serie B2 dopo la vittoria nei play-off contro Pavia[2]. Nel dicembre 2002 Corbani viene sostituito alla guida della formazione da Marcello Ghizzinardi, che aveva già vestito da giocatore la casacca dell'Assigeco. Nella prima annata in B2 c'è la vittoria della Coppa Italia LNP di Serie B2 nelle finali disputate a Montecatini, mentre al termine dell'annata 2003-2004, durante la quale la sede di gioco viene spostata al PalaCampus di Codogno, avviene la promozione in Serie B d'Eccellenza dopo la vittoria nello spareggio contro Senigallia[2].

L'Assigeco rimane in Serie B d'Eccellenza per 6 stagioni, vincendo la coppa Italia LNP nel 2006-2007 e nel 2008-2009, anno in cui la squadra trasferisce la sua sede di gioco presso il PalaCastellotti di Lodi e fermandosi per tre volte nella semifinale dei play-off; al termine del campionato 2008-2009, tuttavia, la società ottiene comunque l'ammissione al campionato di Legadue[2]. Nel secondo campionato italiano vengono disputate due stagioni, sotto la guida di Simone Lottici il primo anno e Marco Calvani, poi sostituito da Giancarlo Sacco, il secondo, entrambe culminate con il raggiungimento della salvezza[2].

Il 30 giugno 2011, dopo aver annunciato il ritorno al Campus di Codogno, viene ufficializzata la rinuncia al campionato di Legadue[3] e l'autoretrocessione in Divisione Nazionale A.

Al termine del campionato 2013-2014 l'Assigeco, dopo aver perso la finale promozione contro Mantova, viene ripescata in Serie A2 Gold, tornando a militare nel secondo campionato nazionale[2].

Dopo due stagioni in seconda serie disputate a Codogno, a partire dal 2016-2017 la società avvia una partnership con il Piacenza Basket Club, società nata nel 2012 a Piacenza sulle ceneri dell'Unione Cestistica Piacentina[1], trasferendo il proprio campo di gioco a Piacenza e disputando gli incontri con il nome di U.C.C. Assigeco Piacenza[4].

Nelle stagioni successive, disputate a Piacenza, la squadra ottiene sempre la salvezza in Serie A2, direttamente o per mezzo dei play-out come al termine del campionato 2017-2018[5].

Nel 2020-2021 l'U.C.C. disputa un campionato nella prima metà di classifica, entrando nella lotta per l'accesso ai play-off promozione e terminando la stagione regolare all'ottavo posto, posizionamento che permette l'accesso al girone azzurro della fase ad orologio[6], che la squadra termina all'ultimo posto senza vittorie, non ottenendo quindi l'accesso ai play-off[7].

Cronistoria

Cronistoria dell'U.C.C.
  • 1977 · Fondazione dell'Unione Cestistica Casalpusterlengo con sede a Casalpusterlengo.
  • 1977-1978 · in Promozione.
  • 1978-1979 · in Promozione.
  • 1979-1980 · in Promozione.

  • 1980-1981 · in Promozione.
  • 1981-1982 · in Promozione.
  • 1982-1983 · in Promozione.
  • 1983-1984 · in Promozione.
  • 1984-1985 · in Promozione.
  • 1985-1986 · in Promozione.
  • 1986-1987 · in Promozione.
  • 1987-1988 · in Promozione.
  • 1988-1989 · in Promozione.
  • 1989-1990 · in Promozione.

  • 1990-1991 · in Promozione.
  • 1991-1992 · in Promozione.
  • 1992-1993 · in Promozione.
  • 1993-1994 · in Promozione,
    Green Arrow Up.svg
    promossa in Serie D.
  • 1994-1995 · in Serie D,
    Green Arrow Up.svg
    promossa in Serie C.
  • 1995-1996 · in Serie C.
  • 1996-1997 · in Serie C.
  • 1997-1998 · in Serie C.
  • 1998-1999 · in Serie C.
  • 1999-2000 · in Serie C.

  • 2000-2001 · in Serie C.
Challange round di Coppa Italia LNP.
  • 2001-2002 · in Serie C.
  • 2002-2003 · in Serie B2.
VINCITORE COPPA ITALIA PALLACANESTRO.png
Vince la Coppa Italia LNP di Serie B2 (1º titolo).
  • 2003-2004 · in Serie B2,
    Green Arrow Up.svg
    promossa in Serie B d'Eccellenza.
  • 2004-2005 · 9ª nel girone A di Serie B d'Eccellenza.
  • 2005-2006 · 7ª nel girone A di Serie B d'Eccellenza, quarti di finale dei play-off promozione.
Quarti di finale di Coppa Italia LNP.
VINCITORE COPPA ITALIA PALLACANESTRO.png
Vince la Coppa Italia LNP (1º titolo).
VINCITORE COPPA ITALIA PALLACANESTRO.png
Vince la Coppa Italia LNP (2º titolo).

  • 2010-2011 · 11ª in Legadue,
    Red Arrow Down.svg
    autodeclassata in Divisione Nazionale A.
Qualifying round di Coppa Italia di Legadue.

Colori e simbolo

I primi colori sociali, al momento della fondazione, avvenuta nel 1977, furono il verde e l'arancione[2], in seguito sostituiti dai colori rosso e blu[9], che sono stati mantenuti fino al trasferimento a Piacenza avvenuto nel 2016. A seguito della partnership con il Piacenza Basket Club e del correlato cambio di sede di gioco, ai colori rosso e blu adottati dalla squadra lodigiana venne affiancato il bianco, che insieme al rosso, costituiva i colori sociali della compagine piacentina[10].

Palazzetto

Lo stesso argomento in dettaglio: PalaCastellotti e PalaBanca.

Dopo aver giocato le sue partite casalinghe presso la palestra Itas di Casalpusterlengo fino al 1994, a partire dalla stagione 1994-1995 la squadra si trasferì a Codogno, presso il palazzetto di viale della Resistenza, impianto che venne mantenuto fino al 2003-2004, con lo spostamento al PalaCampus, anch'esso situato a Codogno[2]. Fino al termine della stagione 2007-2008 la squadra mantenne la sede delle proprie partite casalinghe presso il PalaCampus di Codogno. A causa dell'inadeguatezza della struttura codognese, nel 2008-2009 la squadra si trasferì presso il più capiente PalaCastellotti di Lodi, impianto inaugurato nel 1989 e già utilizzato dalla squadra di hockey su pista degli Amatori Wasken Lodi e che, per l'occasione venne sottoposto a lavori ad hoc che inclusero, tra gli altri, la realizzazione del parquet, l'acquisto dei canestri e la ristrutturazione della sala stampa[11].

Nella stagione 2011-2012, dopo la decisione di non iscriversi al campionato di Legadue, l'Assigeco tornò a disputare le proprie gare casalinghe a Codogno[12], anche a causa della scarsa affluenza di pubblico durante le due stagioni del secondo campionato nazionale disputate a Lodi[13]. Con il trasferimento a Piacenza, a partire dalla stagione 2016-1017, la squadra, pur mantenendo la sede a Casalpusterlengo, gioca le gare interne presso il PalaBanca di Piacenza, impianto condiviso con le società di pallavolo maschili Pallavolo Piacenza, fino alla stagione 2017-2018[14], e You Energy Volley, dall'annata successiva; a partire da quell'anno le due società si occupano anche della gestione dell'impianto piacentino[15].

Rosa 2021-2022

Aggiornato al 12 ottobre 2021.[16]

Naz. Ruolo Sportivo Anno Alt. Peso
1
Italia
P Lorenzo Deri 2001 188 85
4
Stati Uniti
G Gabe DeVoe 1995 190 94
9
Senegal
C Magaye Seck 2001 201 98
12
Italia
AC Lorenzo Galmarini 1995 200 90
13
Serbia
Italia
G Nemanja Gajic 2001 195 90
14
Italia
AG Davide Pascolo 1990 201 90
18
Italia
C Tommaso Guariglia 1997 205 100
21
Italia
PG Lorenzo Querci 2001 191 85
22
Stati Uniti
AG Phillip Carr 1995 201 93
34
Italia
C Matteo Gherardini 2004 206 89
43
Italia
P Gherardo Sabatini 1994 181 83
90
Italia
PG Luca Cesana 1997 196 90
Captain sports.svg

Staff tecnico

Capo allenatore:
Italia
Stefano Salieri[17]
Primo assistente:
Italia
Gabriele Grazzini[17]
Secondo assistente:
Italia
Fabio Farina[17]
Medico:
Italia
Gianluca Concardi[17]
Fisioterapista:
Italia
Matteo Anelli[17]
Fisioterapista:
Italia
Benedetta Libori[17]
Preparatore atletico:
Italia
Mattia Raimondi[17]
Preparatore atletico:
Italia
Carlo Alberto Naldini[17]
Responsabile scouting:
Italia
Andrea Centenari[17]
Addetto arbitri:
Italia
Enrico Bergonzi[17]
Allenatore squadra Prima Divisione:
Italia
Simone Nadal[18]
Allenatore squadra Under-18 Gold:
Italia
Max Mazza[18]
Allenatore squadra Under-18 Silver:
Italia
Giuseppe Soffiantini[18]
Allenatore squadra Under-16 Silver:
Italia
Vincenzo Virgallita[18]
Allenatore squadra Under-16 Eccellenza:
Italia
Giuseppe Soffiantini[18]
Allenatore squadra Under-15 Silver:
Italia
Simone Nadal[18]
Allenatore squadra Under-15 Eccellenza:
Italia
Max Giannoni[18]
Allenatore squadra Under-14 Elitè:
Italia
Simone Nadal[18]
Allenatore squadra Under-13 Elitè:
Italia
Andrea Locardi[18]

Organigramma societario

Presidente:
Italia
Giovanni Francesco Curioni[19]
Vicepresidente:
Italia
Luigi Stecconi[19]
Direttore sportivo:
Italia
Alessandro Pagani[17]
Responsabile marketing:
Italia
Paolo Cattivelli[19]
Responsabile comunicazione:
Italia
Flavio Suardi[19]
Responsabile Social Media:
Italia
Emanuele Moia[19]
Responsabile Campus:
Italia
Luigi Guselli[19]
Dirigente responsabile settore giovanile:
Italia
Giovanni Maestri[20]
Responsabile tecnico giovanili:
Italia
Max Giannoni[20]
Responsabile minibasket e settore giovanile:
Italia
Marco Merli[20]

Presidenti e allenatori

Presidenti dell'U.C.C.
  • ?-?   Nicolosi
  • ?-?   Autelli
  • ?-in carica   Giovanni Francesco Curioni
Allenatori dell'U.C.C.

Palmarès

2006-07, 2009
2003

Note

  1. ^ a b Chi siamo, su uccassigecopiacenza.it. URL consultato il 21 febbraio 2021.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l Luca Mallamaci, Quarantanni di Assigeco: dall'oratorio alla Serie A2, Boni e Gallinari superstar (PDF), in Il Cittadino, 23 giugno 2017. URL consultato il 21 febbraio 2021.
  3. ^ Campionati Professionistici. La comunicazione della ComTec, in FIP, 4 luglio 2011. URL consultato il 5 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2015).
  4. ^ Inside the A2 Est – Assigeco: cambia il profilo, il parquet e… le ambizioni, su basketinside.com, 27 settembre 2016. URL consultato il 6 ottobre 2016.
  5. ^ L'Assigeco vince anche a Napoli e conquista la salvezza, in SportPiacenza, 3 maggio 2018. URL consultato il 21 febbraio 2021.
  6. ^ Assigeco, riparte il campionato: il 25 aprile al Campus contro Pistoia, in SportPiacenza, 22 aprile 2021. URL consultato il 19 maggio 2021.
  7. ^ L'Assigeco chiude con una nuova sconfitta in casa di Cento, in SportPiacenza, 16 maggio 2021. URL consultato il 19 maggio 2021.
  8. ^ Posizione in classifica al momento della sospensione definitiva del campionato a causa della pandemia di COVID-19.
  9. ^ A2 Gold: La Fip dice si, l’Assigeco Casalpusterlengo è promossa in Gold, in Dailybasket, 19 luglio 2014. URL consultato il 6 marzo 2021.
  10. ^ Presentata la campagna abbonamenti dell'Assigeco Piacenza, su legapallacanestro.com. URL consultato il 6 marzo 2021.
  11. ^ Avviati i lavori di realizzazione del nuovo parquet del Palacastellotti, su comune.lodi.it, 8 luglio 2008. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  12. ^ Nuova vita all'Assigeco "Tifosi tornate da noi", in Il Giorno, 11 agosto 2011. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  13. ^ Alberto Belloni, Guerini ora ripassa la palla all’Assigeco, in Il Cittadino, 8 giugno 2011. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  14. ^ Matteo Marchetti, PalaBanca, problema risolto: Lpr e Assigeco giocheranno a Piacenza. Il sindaco Barbieri: «Vittoria del buonsenso», in SportPiacenza, 7 luglio 2017. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  15. ^ Matteo Marchetti, Il PalaBanca in gestione a Gas Sales e Assigeco fino al 2023, in SportPiacenza, 2 novembre 2018. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  16. ^ Roster, su uccassigecopiacenza.it. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  17. ^ a b c d e f g h i j k Team Staff, su uccassigecopiacenza.it. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  18. ^ a b c d e f g h i Giovanili maschili, su uccassigecopiacenza.it. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  19. ^ a b c d e f Società, su uccassigecopiacenza.it. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  20. ^ a b c Giovanili, su uccassigecopiacenza.it. URL consultato il 20 febbraio 2021.

Voci correlate

Portale Pallacanestro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pallacanestro
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
U.C.C.
Listen to this article

This browser is not supported by Wikiwand :(
Wikiwand requires a browser with modern capabilities in order to provide you with the best reading experience.
Please download and use one of the following browsers:

This article was just edited, click to reload
This article has been deleted on Wikipedia (Why?)

Back to homepage

Please click Add in the dialog above
Please click Allow in the top-left corner,
then click Install Now in the dialog
Please click Open in the download dialog,
then click Install
Please click the "Downloads" icon in the Safari toolbar, open the first download in the list,
then click Install
{{::$root.activation.text}}

Install Wikiwand

Install on Chrome Install on Firefox
Don't forget to rate us

Tell your friends about Wikiwand!

Gmail Facebook Twitter Link

Enjoying Wikiwand?

Tell your friends and spread the love:
Share on Gmail Share on Facebook Share on Twitter Share on Buffer

Our magic isn't perfect

You can help our automatic cover photo selection by reporting an unsuitable photo.

This photo is visually disturbing This photo is not a good choice

Thank you for helping!


Your input will affect cover photo selection, along with input from other users.