Ursus (peplum) - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Ursus (peplum).

Ursus (peplum)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questa voce o sezione sugli argomenti personaggi letterari e personaggi cinematografici non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Puoi migliorare questa voce aggiungendo citazioni da fonti attendibili secondo le linee guida sull'uso delle fonti. Segui i suggerimenti del progetto di riferimento.
Ursus
Ursus salva la schiava Licia destinata al sacrificio nell'arena sotto gli occhi dell'imperatore Nerone. Al personaggio del romanzo Quo vadis? sono stati dedicati numerosi film.
Sagaomonima
AutoreHenryk Sienkiewicz
1ª app.1894
1ª app. inQuo vadis?
SessoMaschio
Professioneschiavo

Ursus è un personaggio di fantasia ed uno dei protagonisti del romanzo Quo vadis?, scritto nel 1894 da Henryk Sienkiewicz.

È al centro dei numerosi film tratti dal lavoro letterario oltre che delle pellicole che gli sono state nel tempo appositamente dedicate.

Il personaggio

Ursus è una sorta di guardia del corpo, connazionale e servitore fedele di Licia, protagonista del romanzo assieme a Marco Vinicio. Un tempo al servizio della regina dei Lugi, è come un padre per lei, essendo anch'egli condannato ad essere inviato come ostaggio a Roma.

Gigante dalla forza prodigiosa in grado di uccidere qualunque uomo a mani nude, ha però il cuore puro d'un bambino, ingenuo e buono, e protegge infaticabilmente colei che ancora onora come sua principessa.

La conversione

Convertito al cristianesimo in casa di Pomponia e battezzato col nome di Urbano, salva Licia dall'assalto di Marco Vinicio nel banchetto di Nerone, fugge con lei attaccando con alcuni correligionari gli schiavi che dovevano condurla in casa del giovane patrizio. Si nasconde con lei e lavora durante la notte come operaio alla macina del fornaio Demade.

Viene ingannato da Chilone Chilonide, che gli fa credere un tradimento da parte di Glauco, ma non porta a compimento il piano del millantatore. Difende Licia quando Marco Vinicio li pedina per rapirla e uccide il gladiatore Crotone in un duello a mani nude.

Catturato anche lui in seguito alle persecuzioni anticristiane, sostiene la padrona in cella dove una grave febbre sta per ucciderla. Nell'arena, quando Licia viene attaccata alle corna d'un bufalo per essere straziata, affronta il gigantesco animale e lo uccide a forza di braccia. Si trasferisce con Marco e Licia in Sicilia alla fine del romanzo.

Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Ursus (peplum)
Listen to this article