Walt Disney

animatore, imprenditore, disegnatore, cineasta, doppiatore e produttore cinematografico statunitense / Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Walter Elias "Walt" Disney (Chicago, 5 dicembre 1901Burbank, 15 dicembre 1966) è stato un animatore, imprenditore, produttore cinematografico, regista e doppiatore statunitense.

Walt Disney nel 1946
Oscar al miglior cortometraggio d'animazione 1932
Oscar onorario 1932
Oscar al miglior cortometraggio d'animazione 1934
Oscar al miglior cortometraggio d'animazione 1935
Oscar al miglior cortometraggio d'animazione 1936
Oscar al miglior cortometraggio d'animazione 1937
Oscar al miglior cortometraggio d'animazione 1938
Oscar al miglior cortometraggio d'animazione 1939
Oscar onorario 1939
Oscar al miglior cortometraggio d'animazione 1940
Oscar onorario 1942
Oscar al miglior cortometraggio d'animazione 1942
Oscar alla memoria Irving G. Thalberg 1942
Oscar al miglior cortometraggio d'animazione 1943
Oscar al miglior cortometraggio a 2 bobine 1949
Oscar al miglior cortometraggio a 2 bobine 1951
Oscar al miglior cortometraggio a 2 bobine 1952
Oscar al miglior cortometraggio a 2 bobine 1953
Oscar al miglior cortometraggio documentario 1954
Oscar al miglior documentario 1954
Oscar al miglior cortometraggio a 2 bobine 1954
Oscar al miglior cortometraggio 1954
Oscar al miglior documentario 1955
Oscar al miglior cortometraggio documentario 1956
Oscar al miglior cortometraggio 1959
Oscar al miglior cortometraggio d'animazione 1969
Firma di Walt Disney

Annoverato tra i principali cineasti del XX secolo, cofondatore, presidente e amministratore delegato della Walt Disney Company, una delle più grandi compagnie al mondo, e riconosciuto come uno dei padri dell'animazione cinematografica, ha inoltre creato Disneyland, il primo di una serie di parchi a tema; è altresì noto per la sua grande abilità nella narrazione di storie, come divo televisivo e uno dei più carismatici artisti del XX secolo nel campo dell'intrattenimento. Con i suoi collaboratori ha creato molti dei più famosi personaggi dei cartoni animati del mondo; uno di questi, Topolino, è secondo molti il suo alter ego.

Detiene il record di Premi Oscar vinti,[1] avendo ricevuto, in 34 anni di carriera, per i suoi cortometraggi e documentari, 59 candidature e 26 premi, di cui 3 onorari e un Premio alla memoria Irving G. Thalberg. Nel 1956 ha vinto il David di Donatello per il miglior produttore straniero per Lilli e il vagabondo. Gli Oscar onorari gli furono assegnati, nel primo caso, per la creazione di Topolino;[2] nel secondo, per Biancaneve e i sette nani, «riconosciuto come un'innovazione cinematografica significativa che ha incantato milioni di persone ed è stato pioniere di una nuova area d'intrattenimento nel campo del cartone animato»;[3][4][5] e, infine, «per lo sbalorditivo contributo all'avanzamento dell'uso del sonoro nel cartone animato, grazie alla produzione di Fantasia».[6][4] Fu candidato per tre volte ai Golden Globes, ma ne ricevette solo due onorari, per Bambi (1942) e Deserto che vive (1953), oltre al Cecil B. DeMille Award nello stesso anno. Otto pellicole da lui prodotte sono state inserite nella Biblioteca del Congresso venendo ritenute «culturalmente, storicamente ed esteticamente significative»: Steamboat Willie, I tre porcellini, Biancaneve e i sette nani, Fantasia, Pinocchio, Bambi, Dumbo e Mary Poppins.