Non c'è due senza quattro - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Non c'è due senza quattro.

Non c'è due senza quattro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questa voce o sezione sull'argomento film d'azione non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Puoi migliorare questa voce aggiungendo citazioni da fonti attendibili secondo le linee guida sull'uso delle fonti. Segui i suggerimenti del progetto di riferimento.
Non c'è due senza quattro
Una scena del film
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1984
Durata110 min
Rapporto1,85:1
Generecommedia, azione
RegiaE.B. Clucher
SoggettoMarco Tullio Barboni
SceneggiaturaMarco Tullio Barboni
Casa di produzioneTrans-Cinema TV, Inc
Distribuzione in italianoC.E.I.A.D.
FotografiaSilvano Ippoliti, Hélio Silva
MontaggioPhilip Edwards
MusicheFranco Micalizzi
ScenografiaJorge Moreira
CostumiCelia Menezes, Luciano Sagoni
Interpreti e personaggi
  • Terence Hill: Elliot Vance; Bastiano João Coimbra de la Coronilla y Azevedo
  • Bud Spencer: Greg Wonder; Antonio Coimbra de la Coronilla y Azevedo
  • April Clough: Donna Olimpia Chavez di Altamirano
  • Harold Bergman: capo dell'agenzia dei sosia
  • C.V. Wood Jr.: ufficiale della polizia
  • Dary Reis: Comandante Van der Bosch, capo dei mercenari
  • Nello Pazzafini: Tango
  • José Van de Kamp: Bernardo, il maggiordomo
  • Fernando Amaral: Angel Duarte, il segretario
  • Roberto Roney: Nadinho
  • Athayde Arcoverde: Vinício
  • Dennis Bourke: Dottor Professor Albert Von Eisenburg
Doppiatori italiani

Non c'è due senza quattro è un film del 1984 diretto da E.B. Clucher.

È il quattordicesimo dei 16 film interpretati dalla coppia Bud Spencer e Terence Hill.

Trama

Lo stuntman Elliot Vance e il sassofonista galeotto Greg Wonder vengono ingaggiati da un'agenzia che si occupa di reclutare sosia di personalità VIP, perché perfettamente somiglianti ai cugini Antonio e Bastiano João Coimbra de la Coronilla y Azevedo, due miliardari iberico-brasiliani, i quali hanno bisogno di venir sostituiti per sette giorni poiché in pericolo di morte: infatti, alla fine di quei sette giorni, i due ricchi uomini d'affari dovrebbero firmare un importante contratto ma un gruppo di malviventi è deciso ad impedirlo. I cugini Coimbra offrono un milione di dollari a testa ai loro sosia per l'operazione, più un altro mezzo in caso riuscissero a scoprire e sgominare la sleale concorrenza. Elliot e Greg, dopo l'iniziale sorpresa, accettano appena sentita la cifra.

Seguendo il consiglio dei due, Wonder e Vance, pur trattandosi bene e godendosi gli agi dei Coimbra, non si impegnano minimamente nel cercare di imitare i loro stili di vita, destando così numerosi sospetti tra la servitù di Villa Coimbra; nessuno però osa immaginare la realtà, data la perfetta somiglianza di Wonder e Vance ai ricchi cugini. Nella prima sera di lavoro, Elliot e Greg decidono di passare la serata in un malfamato locale portuale ma incappano nella gang capitanata da Tango, uno dei peggiori malviventi di Rio de Janeiro, respingendone l'attentato a suon di pugni; poi, ingenuamente, non si sottraggono alla curiosità dei giornalisti che li fotografano e che chiedono loro di raccontare come si sono svolti i fatti. Questo scatena l'indignazione, molto contenuta come loro abitudine, di Antonio e Bastiano, completamente diversi come personalità dai loro sosia. Successivamente alla movimentata serata, i due continuano ad attirare l'attenzione di Tango e dei suoi tirapiedi, ma i vari attentati falliscono puntualmente grazie all'astuzia ed alla supremazia nelle risse dei due finti cugini.

Mentre Elliot e Greg riescono poco a poco a stringere il cerchio intorno ai mandanti degli attentati, l'eco delle loro avventure notturne giunge però alle orecchie di Antonio e Bastiano che, preoccupati per la loro reputazione, decidono di tornare a Rio per congedare i sosia ed indire una conferenza stampa nella quale offrire la spiegazione di tutto ciò che è accaduto. Proprio mentre i cugini Coimbra stanno per firmare gli assegni ai loro sosia, arriva in elicottero un gruppo di mercenari decisi a sequestrare i due miliardari per poi darli in mano al misterioso mandante di tutte le loro sciagure; i sequestratori ignorano però che nella casa si nascondono quattro persone, anziché due come pensano: comincia così una rissa che vede prevalere Greg ed Elliot sfruttando questo fattore a loro vantaggio.

Il mandante viene attirato all'interno della casa: mentre pensa di trovare i due ricchi cugini legati alle loro sedie, appena entra dalla porta viene baciato da Elliot; si tratta infatti di donna Olimpia Chavez, amica di Bastiano con cui Vance, nei panni del ricco Coimbra, aveva iniziato una relazione. La ragazza aveva architettato tutto per vendicarsi soprattutto di Antonio Coimbra, che aveva causato, a suo dire, il fallimento del padre.

Una volta congedati Elliot e Greg, Bastiano confida al cugino l'intenzione di praticare della boxe, mentre Antonio gli comunica che abbandonerà la sua dieta immediatamente.

Produzione

Il film è stato girato quasi interamente a Rio de Janeiro.

Distribuzione

Il film è stato distribuito nei seguenti paesi con diversi titoli:

Altri progetti

Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Non c'è due senza quattro
Listen to this article